Maldamore, Buch u.Regie A. Longoni

Informationen über seine Filme und Theaterstücke, seine Rollen, Kritiken unsere Kommentare...

Alessio nel film, televisione e sul palco - Informazioni sul suoi film e opere teatrale, i suoi ruoli, recensioni, nostri commenti...

Alessio in cinema, TV and on stage - Information on his films and plays, his parts, reviews, our comments...

Moderatoren: honey379, mingi17, Sweety

AbonnentenAbonnenten: 0
LesezeichenLesezeichen: 0
Zugriffe: 11712

Re: Maldamore, Buch u.Regie A. Longoni

Beitragvon mingi17 » 16. Jun 2013 16:11

Bild

Bild
Händeringen hält einen nur davon ab, die Ärmel aufzukrempeln.
mingi17
 
Beiträge: 10090
Registriert: 01.2008
Wohnort: nahe MÜNCHEN
Geschlecht:

Re: Maldamore, Buch u.Regie A. Longoni

Beitragvon gaby » 16. Jun 2013 19:37

gaby
 
Beiträge: 1765
Registriert: 04.2009
Geschlecht:

Re: Maldamore, Buch u.Regie A. Longoni

Beitragvon gaby » 17. Jun 2013 17:31

Zingaretti-Ranieri di nuovo insieme sul set
“Quanti tradimenti, ma solo per il copione”
TRENTO - Luca Zingaretti è un traditore seriale. Ma ad arrabbiarsi non è Luisa Ranieri - decisamente più interessata alle frequentazioni di Alessio Boni - ma Ambra Angiolini. Non è «Beautiful». A ingarbugliare un pochino i fili tra finzione e realtà è stato il regista Angelo Longoni che nel suo nuovo film - Maldamore (sono iniziate da poco le riprese, a Trento) -, con protagoniste due coppie, ne ha voluta una vera (Zingaretti e Ranieri si sono sposati nel 2012). Per poi spaiarla. Sul set, in questa storia umanissima di amore, tradimenti e altri disastri, Zingaretti è il marito di Ambra mentre Luisa Ranieri la moglie di Alessio Boni. Si parla di tradimento. Recidivo o fatto solo per vendetta, giocoso o invece spia di un malessere profondo. Poche le coppie (specie di lungo corso) che ne sono immuni. Ma il regista ha voluto mostrare come l'infedeltà possa anche essere perdonata.
«Io non ce la farei mai - confessa in partenza Luisa Ranieri -. Sono una sanguigna, difficilmente potrei digerirlo. E non tradisco: uno si impegna per costruire qualcosa di bello e solido, troverei stupido rovinare tutto». Chissà che tortura allora vedere il proprio marito correre di gonnella in gonnella, pur per finzione come succede in questo film... «È la prima volta che torniamo a lavorare assieme (dopo "Cefalonia", la serie che li fece conoscere e innamorare) - racconta sorridente -. Per anni abbiamo voluto preservare la nostra storia, tenerla lontano dall'interesse mediatico che c'era, specie all'inizio. Ora non temo più di lavorare con lui. Però non parliamo quasi mai di lavoro a casa, e così, una sera, gli ho detto: "Sai, farò il film di Longoni". E lui: "Ma come? L'ha offerto anche a me"».

«Di sicuro lavorare insieme è comodo: almeno ci vediamo un po' - scherza Zingaretti -. È stato un caso, ma prima o poi era naturale che ci saremmo incontrati di nuovo sul set. Mi fa piacere, lei è molto brava: del resto non mi sarei mai potuto, non dico innamorare, ma nemmeno sentire attratto da un'attrice non brava. Dev'essere deformazione professionale». Sembra tanto anche una bella dichiarazione d'amore.

Ma il commissario più adorato della tv (anche in replica) è a suo agio in una commedia romantica? «Molto. In particolare in una come questa, che racconta in modo garbato una crisi risolta: una bella materia da recitare. Il pubblico può divertirsi dei propri difetti vedendoli sullo schermo. E poi, vengono prodotti altri generi in Italia? Ma se c'è un'aspettativa nei miei confronti è che non dia fregature. Quello sarebbe un tradimento. Quanto a Montalbano, non so bene come spiegare tutto il successo: forse rappresenta un'Italia che piace di più di quella che vediamo».

E l'Italia che vediamo, tornando ai sentimenti, è anche un Paese di tradimenti smaccati di cui spesso l'ultimo ad accorgersi è chi li subisce. Come Ambra, una moglie «che non vuol vedere quello che fa il marito. E quando si trova lei a tradire si dà mille giustificazioni emotive. Franca Rame diceva che in amore bisogna avere la memoria corta, e sono d'accordo. I tradimenti dipende molto come li porti... e come li fai. Ci vorrebbe sempre una certa eleganza. Ecco, più che un uomo che promette fedeltà eterna mi piacerebbe qualcuno che mi promettesse di essere sempre elegante» ride.

E poi c'è Alessio Boni, un musicista che tradisce la moglie una volta «ma quel solo episodio cambia comunque tutto. Non importa essere recidivi o no. Se si scopre anche una sola infedeltà si inizia a dubitare». E infatti quando scopre che anche lui è stato tradito, il mondo gli crolla addosso: «Scatta un ginepraio di pensieri, tutto insospettisce... e inizia il mal d'amore. Ma si tratta di coppie che si mettono in gioco, che cercano di guarire le loro ferite. Si ride, ma con i toni della commedia si riesce anche a riflettere».

Prima di essere un film (l'uscita è prevista, al momento, a febbraio 2014), Maldamore è stato un fortunato spettacolo teatrale scritto dallo stesso Longoni: «Il successo credo sia dovuto al fatto che tutti noi sappiamo cosa significhi tradire o essere traditi. Ma ho anche voluto raccontare una storia di cialtroneria che è metafora di una cialtroneria più grande: la scarsa affidabilità delle persone non si riscontra solo nel privato». Se però bisogna trovare un messaggio, il regista (sposato da vent'anni. E felice) non ha dubbi: «In amore un po' di elasticità è obbligatoria: non dobbiamo chiedere l'assoluto quando non siamo in grado di darlo».

Chiara Maffioletti
17 giugno 2013 | 14:02
gaby
 
Beiträge: 1765
Registriert: 04.2009
Geschlecht:

Re: Maldamore, Buch u.Regie A. Longoni

Beitragvon mingi17 » 20. Jun 2013 18:02

"MALDAMORE", IL FILM CHE FA BENE AL TRENTINO
giovedì 20 giugno 2013

Ancora un mese di riprese per il film di Angelo Longoni: oggi conferenza stampa a Trento con il presidente Alberto Pacher per un prodotto che "unisce" il territorio



"Sbagliare è umano, perseverare è italiano". Ha strappato applausi e risate la battuta di Angelo Longoni, il regista di "Maldamore", il film di Italian Dreams factory e Rai Cinema che si sta girando in queste settimane in Trentino in collaborazione con la Film Commission. Oggi, al Grand Hotel Trento, conferenza stampa - siamo circa a metà dell'opera, la troupe resterà in Trentino ancora un mese - di presentazione e una certezza è emersa, corale, dalle parole dei protagonisti: la volontà di perseverare nelle riprese "made in Trentino", vista l'accoglienza, la bontà delle location, il feeling scattato con i trentini e con il territorio trentino. Unanimi infatti gli apprezzamenti per l'accoglienza ricevuta. Ad esprimerli, oltre che il regista, anche Maria Grazia Cucinotta - in veste di produttore ha sottolineato di "sentirsi a casa"- e alcuni degli attori protagonisti: Luca Zingaretti, Luisa Ranieri, Claudia Gerini e Alessio Boni. A portare il saluto della Provincia autonoma, il presidente Alberto Pacher mentre a rappresentare la città di Trento c'era il sindaco, Alessandro Andreatta. "Il lavoro della Trentino Film Commission - ha detto il presidente Pacher - ottiene due risultati importanti: da una parte sostiene le produzioni cinematografiche italiane e siamo orgogliosi di fare parte di questa partita e dall'altra valorizza Trento e il Trentino. E non si tratta solo di un ritorno immateriale di immagine, conoscenza e simpatia, per quanto importante. Vi è anche un aspetto che riguarda il nostro voler intercettare le opinioni di chi ci guarda da fuori, conosce il nostro attaccamento al territorio e a sua volta si lega a questo territorio che diventa così patrimonio allargato".



Nel corso della conferenza stampa, contrassegnata da un clima di grande cordialità, il regista Angelo Longoni, la produttrice Maria Grazia Cucinotta e gli attori - Luca Zingaretti, Luisa Ranieri, Claudia Gerini e Alessio Boni (assente giustificata, per motivi di salute, Ambra Angiolini) - hanno fornito alcune divertenti anticipazioni sulla trama di un film che si annuncia come una commedia brillante sull'amore e i suoi derivati: separazioni, incontri vecchi e nuovi, tradimenti, perdoni. Ma anche, come ha ricordato Giampaolo Pedrotti, presidente della Trentino Film Commission, questa nuova importante collaborazione dimostra una volta di più la capacità del territorio di "farsi sistema", nella collaborazione tra realtà pubbliche e private. E così Ducati Energia, Cantine Mezzacorona, Apt Trento Monte Bondone Valle dei Laghi, Azienda Sanitaria, Castello del Buonconsiglio - tutti coinvolti e "protagonisti" di momenti che rivedremo al momento dell'uscita del film - sono altrettante tessere di un mosaico che nella produzione cinematografica ritrovano una importante occasione di collaborazione, nel segno del cinema.

http://www.regioni.it/it/show-maldamore ... ?id=303113
Händeringen hält einen nur davon ab, die Ärmel aufzukrempeln.
mingi17
 
Beiträge: 10090
Registriert: 01.2008
Wohnort: nahe MÜNCHEN
Geschlecht:

Re: Maldamore, Buch u.Regie A. Longoni

Beitragvon mingi17 » 20. Jun 2013 18:07

Bild

Foto der Pressekonferenz

Ist das wieder sein heißgeliebtes grünes Hemd???!!??
Händeringen hält einen nur davon ab, die Ärmel aufzukrempeln.
mingi17
 
Beiträge: 10090
Registriert: 01.2008
Wohnort: nahe MÜNCHEN
Geschlecht:

Re: Maldamore, Buch u.Regie A. Longoni

Beitragvon mingi17 » 21. Jun 2013 12:44

Il regista Longoni: «Sbagliare è umano, perseverare è italiano»
20/06/2013

Ancora un mese di riprese di «Maldamore, il film che fa bene al Trentino»
image

«Sbagliare è umano, perseverare è italiano.»
Con questa battuta ha risposto a una nostra domanda Angelo Longoni (foto a pié di pagina), il regista di «Maldamore», il film di Italian Dreams factory e Rai Cinema che si sta girando in queste settimane in Trentino in collaborazione con la Film Commission.
«Già che poco o tanto ci riconosceremo tutti nel film…», gli avevamo chiesto se la pellicola chiudeva con qualche speranza, oppure se si lasciava pensare che non c’è scampo per chi sbaglia in amore.
Behe, ora conoscete la risposta.



Oggi, al Grand Hotel Trento, conferenza stampa (siamo circa a metà dell'opera, la troupe resterà in Trentino ancora un mese) di presentazione e una certezza è emersa, corale, dalle parole dei protagonisti: la volontà di perseverare nelle riprese «made in Trentino», vista l'accoglienza, la bontà delle location, il feeling scattato con i trentini e con il territorio trentino.
Unanimi infatti gli apprezzamenti per l'accoglienza ricevuta.
A esprimerli, oltre che il regista, anche Maria Grazia Cucinotta, in veste di produttore, ma anche alcuni degli attori protagonisti: Luca Zingaretti, Luisa Ranieri, Claudia Gerini e Alessio Boni.
«Sentirsi a casa» – hanno detto è importante per una realizzazione artistica che richiede il contatto con la gente del posto.


A portare il saluto della Provincia autonoma, il presidente Alberto Pacher mentre a rappresentare la città di Trento c'era il sindaco, Alessandro Andreatta.
«Il lavoro della Trentino Film Commission – ha detto il presidente Pacher – ottiene due risultati importanti: da una parte sostiene le produzioni cinematografiche italiane e siamo orgogliosi di fare parte di questa partita e dall'altra valorizza Trento e il Trentino.
«E non si tratta solo di un ritorno immateriale di immagine, conoscenza e simpatia, per quanto importante. Vi è anche un aspetto che riguarda il nostro voler intercettare le opinioni di chi ci guarda da fuori, conosce il nostro attaccamento al territorio e a sua volta si lega a questo territorio che diventa così patrimonio allargato.»



Nel corso della conferenza stampa, contrassegnata da un clima di grande cordialità, il regista Angelo Longoni, la produttrice Maria Grazia Cucinotta e gli attori - Luca Zingaretti, Luisa Ranieri, Claudia Gerini e Alessio Boni (assente giustificata, per motivi di salute, Ambra Angiolini) - hanno fornito alcune divertenti anticipazioni sulla trama di un film che si annuncia come una commedia brillante sull'amore e i suoi derivati: separazioni, incontri vecchi e nuovi, tradimenti, perdoni.
Ma anche, come ha ricordato Giampaolo Pedrotti, presidente della Trentino Film Commission, questa nuova importante collaborazione dimostra una volta di più la capacità del territorio di «farsi sistema», nella collaborazione tra realtà pubbliche e private.
E così Ducati Energia, Cantine Mezzacorona, Apt Trento Monte Bondone Valle dei Laghi, Azienda Sanitaria, Castello del Buonconsiglio - tutti coinvolti e "protagonisi di momenti che rivedremo al momento dell'uscita del film - sono altrettante tessere di un mosaico che nella produzione cinematografica ritrovano una importante occasione di collaborazione, nel segno del cinema.

Tramite questo link, la scheda del film.

Bild

http://www.ladigetto.it/permalink/25860.html
Händeringen hält einen nur davon ab, die Ärmel aufzukrempeln.
mingi17
 
Beiträge: 10090
Registriert: 01.2008
Wohnort: nahe MÜNCHEN
Geschlecht:

Re: Maldamore, Buch u.Regie A. Longoni

Beitragvon gaby » 25. Jun 2013 12:27

MALDAMORE_IL NUOVO FILM PRODOTTO DA MARIA GRAZIA CUCINOTTA
Sono iniziate e termineranno alla fine del mese di luglio, le riprese del film Maldamore, tratto dall’omonimo spettacolo diretto da Angelo Longoni e prodotto da Maria Grazia Cucinotta, Giovanna Emidi e Silvana Natili per Italian Dreams Factory, con il contributo della Trentino Film Commission. L’amore è al centro di questa commedia romantica che parla di intrecci, tradimenti e ripensamenti e che sa offrire «lezioni di vita con il sorriso», come ha dichiarato la Cucinotta impegnata sul set cinematografico. «C’è un cast d’eccezione» ha anche detto, «il massimo a cui una produzione italiana possa aspirare».
Tra gli attori, Luca Zingaretti, Luisa Ranieri, Ambra Angiolini e Alessio Boni, con la partecipazione di Claudia Gerini. La storia è ambientata in Trentino Alto Adige e racconta di come la maturità femminile sia capace di prendere il sopravvento sulla vulnerabilità maschile nell’attimo in cui giunge improvviso il perdono di due tradimenti da parte delle compagne di vita dei due protagonisti. «Essere inaffidabili nei sentimenti è un segnale di inaffidabilità anche nella vita sociale», dice Longoni. «Quando si pretende di essere capiti e accettati per i propri difetti ed errori ma non si è in grado di fare altrettanto con gli altri, allora siamo in presenza di un grosso elemento dell’italianità peggiore». Tra una battuta leggera e l’altra, il regista non perde l’occasione di marcare le differenze che separano l’uomo e la donna e che spesso generano incomprensione e incomunicabilità all’interno della coppia. Il lieto fine lo scopriremo solo nel 2014, quando il film uscirà nelle sale cinematografiche italiane.

Pubblicato da Elisa Fiocchi - giugno 25, 2013 - Cinema
http://goldgarage.it/maldamore-nuovo-fi ... o-longoni/
gaby
 
Beiträge: 1765
Registriert: 04.2009
Geschlecht:


Re: Maldamore, Buch u.Regie A. Longoni

Beitragvon mingi17 » 26. Jun 2013 17:48

Händeringen hält einen nur davon ab, die Ärmel aufzukrempeln.
mingi17
 
Beiträge: 10090
Registriert: 01.2008
Wohnort: nahe MÜNCHEN
Geschlecht:

Re: Maldamore, Buch u.Regie A. Longoni

Beitragvon mingi17 » 26. Jun 2013 17:54

Il cast presenta alla stampa Maldamore
condividi su Share on facebook Share on twitter Share on digg Share on linkedin Share on email More Sharing Services 2
Conf. Stampa Maldamore
Ancora un mese di riprese per il film di Angelo Longoni: oggi conferenza stampa a Trento con il presidente Alberto Pacher per un prodotto che "unisce" il territorio


"Sbagliare è umano, perseverare è italiano". Ha strappato applausi e risate la battuta di Angelo Longoni, il regista di "Maldamore", il film di Italian Dreams factory e Rai Cinema che si sta girando in queste settimane in Trentino in collaborazione con la Film Commission. Oggi, al Grand Hotel Trento, conferenza stampa - siamo circa a metà dell'opera, la troupe resterà in Trentino ancora un mese - di presentazione e una certezza è emersa, corale, dalle parole dei protagonisti: la volontà di perseverare nelle riprese "made in Trentino", vista l'accoglienza, la bontà delle location, il feeling scattato con i trentini e con il territorio trentino. Unanimi infatti gli apprezzamenti per l'accoglienza ricevuta. Ad esprimerli, oltre che il regista, anche Maria Grazia Cucinotta - in veste di produttore ha sottolineato di "sentirsi a casa"- e alcuni degli attori protagonisti: Luca Zingaretti, Luisa Ranieri, Claudia Gerini e Alessio Boni. A portare il saluto della Provincia autonoma, il presidente Alberto Pacher mentre a rappresentare la città di Trento c'era il sindaco, Alessandro Andreatta. "Il lavoro della Trentino Film Commission - ha detto il presidente Pacher - ottiene due risultati importanti: da una parte sostiene le produzioni cinematografiche italiane e siamo orgogliosi di fare parte di questa partita e dall'altra valorizza Trento e il Trentino. E non si tratta solo di un ritorno immateriale di immagine, conoscenza e simpatia, per quanto importante. Vi è anche un aspetto che riguarda il nostro voler intercettare le opinioni di chi ci guarda da fuori, conosce il nostro attaccamento al territorio e a sua volta si lega a questo territorio che diventa così patrimonio allargato".

Nel corso della conferenza stampa, contrassegnata da un clima di grande cordialità, il regista Angelo Longoni, la produttrice Maria Grazia Cucinotta e gli attori - Luca Zingaretti, Luisa Ranieri, Claudia Gerini e Alessio Boni (assente giustificata, per motivi di salute, Ambra Angiolini) - hanno fornito alcune divertenti anticipazioni sulla trama di un film che si annuncia come una commedia brillante sull'amore e i suoi derivati: separazioni, incontri vecchi e nuovi, tradimenti, perdoni. Ma anche, come ha ricordato Giampaolo Pedrotti, presidente della Trentino Film Commission, questa nuova importante collaborazione dimostra una volta di più la capacità del territorio di "farsi sistema", nella collaborazione tra realtà pubbliche e private. E così Ducati Energia, Cantine Mezzacorona, Apt Trento Monte Bondone Valle dei Laghi, Azienda Sanitaria, Castello del Buonconsiglio - tutti coinvolti e "protagonisti" di momenti che rivedremo al momento dell'uscita del film - sono altrettante tessere di un mosaico che nella produzione cinematografica ritrovano una importante occasione di collaborazione, nel segno del cinema.

http://www.trentinofilmcommission.it/it ... Q.facebook
Händeringen hält einen nur davon ab, die Ärmel aufzukrempeln.
mingi17
 
Beiträge: 10090
Registriert: 01.2008
Wohnort: nahe MÜNCHEN
Geschlecht:

VorherigeNächste

Zurück zu "Alessio in Film, Fernsehen und Theater"

 

Wer ist online?

Mitglieder in diesem Forum: 0 Mitglieder und 1 Gast

cron