Info- und Fotolink 2 - wirklich nur dafür!

Hier findet ihr Fotos von Alessio und Links zu Fotos und Videos.
Qui trovate foto e links a foto e video.
Here you can find fotos of Alessio and links to fotos and videos.

Moderatoren: honey379, mingi17, Sweety

AbonnentenAbonnenten: 1
LesezeichenLesezeichen: 0
Zugriffe: 46730

Re: Info- und Fotolink 2 - wirklich nur dafür!

Beitragvon Lucie » 16. Jun 2008 07:54

Ohhhh, da ist er aber wieder schön. Ja, so gefällt er mir am besten. Kurze Haare und 3-Tage-Bart.

Danke Birgit

Lucie, die verspricht, wieder mehr im Forum zu sein (hab ab jetzt 4 Wochen frei!!!!)
Lucie
 
Beiträge: 499
Registriert: 02.2008
Geschlecht:

Re: Info- und Fotolink 2 - wirklich nur dafür!

Beitragvon mingi17 » 16. Jun 2008 07:59

Hallo Mädels, hallo Lucie,

ja, da schaut er wieder gut aus und auch ein bisschen voller im Gesicht, es geht wieder aufwärts. Und vor allem sind die Bilder aktuell, wir wissen also wirklich, wie er gerade aussschaut.

Einen guten Start in die Woche und einen schönen Tag
LG Birgit
Händeringen hält einen nur davon ab, die Ärmel aufzukrempeln.
mingi17
 
Beiträge: 10053
Registriert: 01.2008
Wohnort: nahe MÜNCHEN
Geschlecht:

Re: Info- und Fotolink 2 - wirklich nur dafür!

Beitragvon krispalms » 16. Jun 2008 09:21

Endlich ist der Schnauzer weg!!!!!!!!

Guten Morgen Mädels,
das war ein schönes Video, lieben Dank Birgit!
Euch allen auch einen guten Start in die Woche!

LG
Kristina
krispalms
 
Beiträge: 637
Registriert: 04.2008
Wohnort: Idstein
Geschlecht:

Re: Info- und Fotolink 2 - wirklich nur dafür!

Beitragvon mingi17 » 17. Jun 2008 20:13

Hier ein kurzer Bericht über das Gespräch mit Alessio in Taormina:

http://www.comingsoon.it/Primo-Piano-Page.asp?key=247


Proseguono anche gli incontri di Campus Taormina, in cui attori italiani e internazionali parlano del loro mestiere con gli studenti di alcune università siciliane. Ancora nelle nostre sale nel melò Sanguepazzo di Marco Tullio Giordana, Alessio Boni ha ripercorso il rocambolesco inizio della sua carriera: la fuga dalla cittadina in provincia di Bergamo in cui avrebbe dovuto fare il piastrellista, il successo come animatore in un villaggio vacanze, un provino al Centro Sperimentale di Cinematografia con Mauro Bolognini, Luigi Comencini e Giulietta Masina, i primi durissimi tempi a Roma, la folgorazione per il teatro durante una rappresentazione de La gatta Cenerentola di Roberto De Simone e, finalmente, l’Accademia d’Arte Drammatica Silvio D’Amico.
L’attore ha parlato della gioia di partecipare per tre volte al Festival di Cannes, dove il pubblico ha ancora il coraggio di fischiare un film, e ha confessato di aver perso la testa per Giacomo Puccini, l’ultimo personaggio che ha interpretato per la televisione.


Übersetzung kommt!
Händeringen hält einen nur davon ab, die Ärmel aufzukrempeln.
mingi17
 
Beiträge: 10053
Registriert: 01.2008
Wohnort: nahe MÜNCHEN
Geschlecht:

Re: Info- und Fotolink 2 - wirklich nur dafür!

Beitragvon krispalms » 18. Jun 2008 12:31

Hallo Mädels,

der beigefügte Text könnte interessant sein. Alessio spricht über seine Rollen mit historischem Charakter. Ich werde Euchd en text die Tage übersetzen.
http://www.leggo.it/view.php?data=20080617&ediz=PADOVA&npag=11&file=A_1375.xml&type=STANDARD

LG
Kristina
krispalms
 
Beiträge: 637
Registriert: 04.2008
Wohnort: Idstein
Geschlecht:

Re: Info- und Fotolink 2 - wirklich nur dafür!

Beitragvon mingi17 » 18. Jun 2008 12:45

Taormina Film Fest, largo agli studenti «Avrei voluto interpetare Andreotti»
La nuova sezione Campus ideata dal direttore artistico Deborah Young.
Alessio Boni racconta il suo perscorso di attore
Di MARIANGIOLA CASTROVILLI
Taormina - Largo agli studenti qui alla 54esima edizione del Taormina Film Fest a cui sono dedicate, oltre che agli addetti ai lavori e a tutto il pubblico, sia le Master Class sia la nuova sezione Campus ideata dal direttore del Festival Deborah Young. Ad inaugurare Campus, l’incontro con Alessio Boni che con Beppe Fiorello, titolare in mattinata della Lezione di Cinema, ha in comune la militanza come animatore in villaggi turistici, l’essere under 40 e sotto i riflettori internazionali come due degli interpreti più richiesti del momento.
Alessio, spirito inquieto e dalle molte esperienze, nasce nella bassa Bergamasca da una famiglia di piastrellisti ma segue solo per poco le orme di padre e fratello.
«Un mestiere che mi andava stretto - racconta - Così per cambiare aria entrai nella polizia di Stato, ma neanche quella era la mia strada che cercai allora in America. E qui tentai proprio di tutto - confessa sorridendo l’attore - dal cameriere al baby sitter ma i miei sogni americani s’infransero dopo sei mesi allo scadere della carta verde. Tornai così a casa avvilito e depresso».
E poi?
«Andai sul Gargano, a Pugnochiuso per fare l’animatore turistico e lì furono in molti a dirmi che avevo la faccia giusta per fare l’attore. Avevo vent’anni e di nuovo tante speranze. Roma divenne la mia nuova meta. Dormivo nella mia panda e m’iscrissi in palestra per fare la doccia e lavarmi i denti la mattina. Una sera, per la mia prima volta nella mia vita andai a teatro. Era il Sistina dove davano La gatta Cenerentola di De Simone. Fu una folgorazione. Avevo deciso, avrei fatto l’attore a tutti i costi».
E il successo arrivò subito?
«Calma, intanto mi iscrissi all’Accademia d’Arte drammatica diplomandomi nel ’92, e il direttore, Orazio Costa Giovangigli, oltre che a recitare mi insegnò ad essere sincero e onesto».
Arrivano così, dopo ruoli minori, quelli da protagonista come per esempio ne La donna del treno di Lizzani e poi Incantesimo 3 e 4 e finalmente la svolta...


«Quando si dice il caso. Il successo non è che l’incrocio di situazioni favorevoli. Avevo sul tavolo il contratto solo da firmare per Elisa di Rivombrosa quando feci il provino per Giordana che stava preparando La meglio gioventù, e i risultati sono quelli che ormai tutti conoscono».
Tre volte a Cannes con Giordana (La meglio gioventù, Quando sei nato non puoi più nasconderti che gli vale il Globo d’Oro del 2005 e Sangue Pazzo di quest’anno) con cui esiste una bella amicizia oltre che uno splendido rapporto di lavoro. Tanti i premi poi, compresa la candidatura all’Oscar di 2 anni fa per La bestia nel cuore di Cristina Comencini e un altro Globo d’Oro nel 2006 con Arrivederci amore ciao di Soavi.
Nella costruzione dei suoi personaggi non fa differenza che siano televisivi, cinematografici o radiofonici, l’importante è non ghettizzare il mezzo per cui si lavora perchè «credo nell’immedesimazione dell’attore nella parte ed è assurdo pensare che un radiodramma o una fiction televisiva siano meno impegnativi di un film».
Boni un personaggio che avrebbe voluto interpretare?
«Al di là delle somiglianze fisiche avrei voluto essere Andreotti nel film di Sorrentino».

http://www.corriere.com/viewstory.php?storyid=75962
_________________

Alessio, ein unruhiger Geist mit vielen Erfahrungen ist geboren im unteren Bergamasco in einer Familie von Fliesenlegern, aber er folgte nur wenig den Fußstapfen von Vater und Bruder.
Er erzählt, dass ihm das Handwerk zu eng wurde und um einen Ortswechsel zu haben, ging er zur Staatspolizei, dann jführte sein Weg nach Amerika. Dort hat er alles gemacht vom Kellner bis zum Babysitter, aber seine amerikanischen Träume sind mit dem Ablaufen der Green Card nach 6 Monaten ausgeträumt gewesen. Er ist dann entmutigt und deprimiert wieder nach Hause zurück gekehrt.
Dann ging er auf den Gargano (nördl. Teil von Apulien, der „Sporn“), nach Pugnochiuso, als Animateur und dort hat man ihm gesagt, dass er das richtige Gesicht für einen Schauspieler habe (?, weiß nicht, ob das so stimmt ), Er war 20 und von neuem voller Hoffnung. Rom wurde sein neues Ziel. Er hat in seinem Panda geschlafen und sich in Turnhallen angemeldet, um sich in der Frühe zu duschen und die Zähne zu putzen. An einem Abend ist er zum ersten Mal in seinem Leben ins Theater gegangen. Es war das „Sistina“ wo „La gatta Cenerentola“ gegeben wurde. Es war wie ein Blitzschlag. Er hat entschieden, um jeden Preis Schauspieler zu werden.
Nach dem Diplom 92 hatte er kleinere Rollen, dann Hauptrollen wie in „La donna del Treno“ und Incantesimo 3 und 4.

Forts.folgt
Händeringen hält einen nur davon ab, die Ärmel aufzukrempeln.
mingi17
 
Beiträge: 10053
Registriert: 01.2008
Wohnort: nahe MÜNCHEN
Geschlecht:

Re: Info- und Fotolink 2 - wirklich nur dafür!

Beitragvon mingi17 » 20. Jun 2008 08:11

webradio d'ateneo ha avuto il piacere di incontrare Alessio Boni, uno degli attori italiani maggiormente apprezzati ultimamente da pubblico, critica e registi.
L'incontro è avvenuto durante l'ultimo appuntamento con Filmidea, la manifestazione dedicata al mondo cinematografico, soprattutto quello italiano.
I ragazzi dello staff di Unis@und hanno realizzato con l'attore bergamasco una piacevole intervista che andrà in onda venerdì 20 giugno all'interno della diretta di Buongiorno Unis@und, condotta da Fonzie.
L'affascinante attore, presente all'evento anche nell'inconsueta veste di premiatore per il concorso "La storia d'Italia e la Fiat 500" nato dalla collaborazione Filmidea/Fiat e riservato a studenti iscritti al corso di laurea in Scienze della Comunicazione, si è dimostrato disponibile e molto simpatico ed ha dato luogo a numerose e divertenti gag con i ragazzi presenti all'incontro.
Dalle 11 alle 13 Fonzie vi aspetta con tante curiosità, sorprese, ottima musica e... .Alessio Boni. Non fatelo aspettare!

Alessio hat wohl unerwartet Webradio besucht und ein kurzes Interview gegeben.
Unten sein Lebenslauf
Alessio Boni



Nel 1992 si diploma all' Accademia Nazionale d'Arte Drammatica Silvio D'Amico, ma inizia a lavorare dal 1988, anno del suo debutto teatrale e nei fotoromanzi per passare subito dopo in produzioni teatrali, cinematografiche e televisive.

Dopo alcuni ruoli minori in fiction e film, nel 1998 è protagonista della miniserie tv La donna del treno, diretta da Carlo Lizzani, ma raggiunge la popolarità nel 2000 quando è il protagonista, insieme a Valentina Chico, di Incantesimo 3.

La svolta nella sua carriera arriva con La meglio gioventù di Marco Tullio Giordana, film vincitore della sezione Un Certain Regard del Festival di Cannes 2003 e di altri numerosi premi, grazie al quale ottiene il Nastro d'argento 2004.

Nel 2005 gira il film La bestia nel cuore, diretto da Cristina Comencini, con Giovanna Mezzogiorno, che viene candidato al Premio Oscar 2006, come miglior film straniero. Sempre nel 2005 vince il Globo d'Oro, come miglior attore rivelazione, per il film Quando sei nato non puoi più nasconderti, regia di Marco Tullio Giordana, mentre nel 2006 vince il Globo d'Oro, come miglior attore, per il film Arrivederci amore, ciao, regia di Michele Soavi.

Nel 2007 è il principe Andrei Bolkonskij nella miniserie tv Guerra e pace, tratta dall'omonimo romanzo di Lev Tolstoj. Nello stesso anno è il protagonista della miniserie tv Caravaggio, regia di Angelo Longoni, presentata in anteprima durante il RomaFictionFest e trasmessa in Italia il 17 e 18 febbraio del 2008 su Rai Uno.




--------------------------------------------------------------------------------

Bild
Händeringen hält einen nur davon ab, die Ärmel aufzukrempeln.
mingi17
 
Beiträge: 10053
Registriert: 01.2008
Wohnort: nahe MÜNCHEN
Geschlecht:

Re: Info- und Fotolink 2 - wirklich nur dafür!

Beitragvon mingi17 » 20. Jun 2008 12:25

20 giugno 2008 | 10:34
Confluenze su Alessio Boni
L'attore in biblioteca a Imola martedì 24 giugno per una lettura, racconta del suo amore per lo sport, del suo amore per lo sport, del suo legame con il regista Marco Tullio Giordana e del motivo per cui ha scelto di recitare. Ma non vuole che si dica che è famoso.

La telefonata d’intervista, concordata per noi tramite i suoi collaboratori, è alle 18 di venerdì 13 giugno. Il dubbio ci assale: o i suoi collaboratori non hanno guardato il calendario, o Alessio Boni è uno dei rarissimi uomini italici che non amano lo sport nazionale per eccellenza. Era buona la prima. Alle 18, il telefono a cui lo dovevamo chiamare era staccato, dopo poco riproviamo, risponde un suo amico simpatico e ce lo passa. Non facciamo in tempo a dirgli «se vuoi ci sentiamo più tardi», che lui risponde «sì, grazie». Ah, ecco! Tutto normale, allora…
Quando ci sentiamo, con il risultato di Italia-Romania archiviato in 1-1, il primo pensiero è ovviamente alla partita degli Europei. Deluso?
«Insomma – risponde l’attore -. E’ andata così così, siamo riusciti almeno a parare un rigore…».
Sei un tifoso solo della Nazionale o anche di qualche squadra di club?
«Essendo bergamasco sono tifoso dell’Atalanta. E mi appassiono molto quando gioca la Nazionale, quando ci sono belle partite, grandi gesti atletici».
Sportivo da televisore o sportivo da sudore?
«Mi piace guardare lo sport, soprattutto il tennis, la pallavolo, il calcio. Ma sono anche molto sportivo, gioco a calcio, scio da quando avevo sei anni, nuoto, vado in bicicletta e in moto… Bella quest’intervista sullo sport!»
In realtà volevamo parlare d’altro, partendo dalla serata di letture che farai alla biblioteca di Imola martedì 24 giugno.
«Sarà una bella serata. Il testo di Gianni Cascone ha una forza e un’intensità straordinarie. La tematica è importante, racconta la storia di un amore tra una donna africana e un uomo europeo, con il relativo confronto tra le loro culture. Da tempo io, Gianni e Marcello Prayer, che leggerà il testo insieme a me, ci eravamo prefissi di fare qualcosa insieme perché siamo amici da tanto: questi mesi estivi in cui siamo riusciti a conciliare i nostri impegni professionali sono stati l’occasione giusta».
Eri già stato da queste parti?
«A Imola no, ma conosco molto bene sia Bologna che la Romagna».
Recentemente sei stato protagonista di un film, «Sangue pazzo», che raccontava la storia di un’attrice dell’epoca fascista che era nata in una cittadina vicina a Imola, Castel San Pietro.
«E’ vero, lo sapevo, me l’ha detto Giordana!».
Ovvero il regista del film. Film in cui (oltre a te e ai protagonisti Luca Zingaretti e Monica Bellucci) recitavano anche Luigi Lo Cascio e Sonia Bergamasco. La solita «famiglia» di Giordana, da «La meglio gioventù» in poi?
«Famiglia è la parola adatta. Con il regista e tra noi attori ci sono affetto vero, sincerità e complicità. Ci si capisce al volo, con un semplice sguardo, si lavora con tranquillità e con sicurezza. Anche perché bisogna pensare che Marco Tullio Giordana non si circonda solo degli stessi attori, ma anche delle stesse maestranze. Quindi ci si ritrova con un gruppo di quaranta persone che già si conoscono e tutta la parte di ambientazione che riguarda il lavoro tecnico –- E che occupa tempo quando si va su un set nuovo – è già stata fatta nei precedenti film e quindi si passa direttamente ad abbracciarsi e a chiedersi notizie delle famiglie».
Un valore aggiunto al film che si sta girando?
«Assolutamente. E poi… con Giordana si va sempre a Cannes! Niente male…».
«Sangue pazzo» e i recenti film tv «Rebecca, la prima moglie», «Guerra e pace», «Caravagglio»: tutti film in costume. E’ un caso o una scelta?
«Un caso. Non faccio calcoli e non scelgo un copione a tavolino. Tra le tantissime proposte che mi arrivano scelgo di interpretare quelle che mi colpiscono, che hanno una qualità di sceneggiatura, che hanno un ruolo che mi intriga».
Quali sono i personaggi che ami interpretare?
«A meno che non si tratti di una commedia, mi interessa dar vita a uomini che hanno un loro tormento interiore, una dicotomia. Anche se questo significa diventare antipatici, com’era per il protagonista di “Arrivederci amore, ciao” (film di Andrea Manni tratto da un romanzo di Massimo Carlotto, nda): in quel caso c’era un obiettivo preciso, ossia raccontare una vicenda che può accadere con la legge che stabilisce il percorso di riabilitazione per chi ha ottenuto condanne».
L’importanza di un messaggio?
«Sì, anche senza dare giudizi, ma dando notizie, facendo conoscere le vicende che accadono o sono accadute, raccontare quello che succede in Italia e nel mondo. E’ uno dei motivi per cui faccio l’attore. Anche la vicenda narrata in “Sangue pazzo” era poco nota e Giordana ha inventato il mio personaggio, Matteo Tosi, proprio per prendere per mano il pubblico e guidarlo con etica».
Tanto cinema, abbastanza televisione. E il teatro?
«Io vengo dal teatro: ho cominciato a studiare per fare l’attore tardi, a 22 anni, ma poi sono stato in Accademia e ho fatto sette anni di teatro. A gennaio 2009 ci ritorno: debutto insieme a Michela Cescon, Anna Bonaiuto e Silvio Orlando in una commedia noir che si intitola “Il Dio della carneficina”».
Un’ultima curiosità: sei famoso eppure sempre lontano dalle cronache gossip. Come fai?
«Chi è famoso? – ride – La fama è un concetto astratto. Non giudico chi ama apparire sulle riviste gossip, ma io ho un’altra visione della vita e del lavoro. E come me tanti altri, tanti attori che fanno parte di quella “famiglia” di cui parlavamo prima».

Articolo tratto da "Due" del 20 giugno 2008

Stefania Freddi

http://www.Sabatoseraonline.it/home_sso ... 10737&l=it
Übersetzung kommt irgendwann, zur Zeit ist so viel
Händeringen hält einen nur davon ab, die Ärmel aufzukrempeln.
mingi17
 
Beiträge: 10053
Registriert: 01.2008
Wohnort: nahe MÜNCHEN
Geschlecht:

Re: Info- und Fotolink 2 - wirklich nur dafür!

Beitragvon mingi17 » 22. Jun 2008 15:45

Hallo Mädels,

Alessio war mit Bianca am Freitag bei der Premiere der "Aida" anläßlich der Eröffnung der diesjährigen Festspiele in Verona.

Im Video sind sie zweimal kurz zu sehen, und zwar nach den eigentlichen Nachrichten in dem Teil, den die Moderatorin ankündigt, am Anfang und dann nochmal gegen Ende, da sagt der Sprecher, Alessio Boni sei mit einem geheimnisvollen Mädchen in Begleitung erschienen, wenn ich das richtig verstehe.

http://www.telenuovo.it/tnv/index.cfm?contenuto=70

LG und einen schönen Restsonntag
Birgit

und "Gut Schwitz" :P
Händeringen hält einen nur davon ab, die Ärmel aufzukrempeln.
mingi17
 
Beiträge: 10053
Registriert: 01.2008
Wohnort: nahe MÜNCHEN
Geschlecht:

Re: Info- und Fotolink 2 - wirklich nur dafür!

Beitragvon mingi17 » 24. Jun 2008 21:47

Unicef
Sara' premiato nel Salento al Festival Corto 'Finibus Terrae'
(ANSA) - SAN VITO DEI NORMANNI (BRINDISI), 24 GIU - Alessio Boni ricevera' un premio, come ambasciatore Unicef, al festival del corto nel Salento.Boni sara' ospite della nella serata finale della sesta edizione del 'Film Festival internazionale cortometraggio 'Salento finibus terrae' che si svolgera' in Puglia dal 20 al 27 luglio prossimo.Per l'occasione sara' proiettato il documentario che ha girato per l'Unicef 'Uniti per i bambini,uniti contro l'Aids - Mozambico e Malawi'

Bild

Alessio bekommt einen Preis als Unicef-Botschafter beim "Int. Kurz-Filmfestival" "Salento Finibus Terrae". Er wird Gast am Abschlußabend des Festivals ein und bei der Gelegnheit wird die Dokumentation gezeigt, die er für Unicef gedreht hat
"Vereint für die Kinder, vereint gegen Aids - Mozambique und Malawi"
Händeringen hält einen nur davon ab, die Ärmel aufzukrempeln.
mingi17
 
Beiträge: 10053
Registriert: 01.2008
Wohnort: nahe MÜNCHEN
Geschlecht:

VorherigeNächste

Zurück zu "Fotos und Links"

 

Wer ist online?

Mitglieder in diesem Forum: 0 Mitglieder und 1 Gast

cron