Walter Chiari -Fino all'ultima risata

Informationen über seine Filme und Theaterstücke, seine Rollen, Kritiken unsere Kommentare...

Alessio nel film, televisione e sul palco - Informazioni sul suoi film e opere teatrale, i suoi ruoli, recensioni, nostri commenti...

Alessio in cinema, TV and on stage - Information on his films and plays, his parts, reviews, our comments...

Moderatoren: honey379, mingi17, Sweety

AbonnentenAbonnenten: 0
LesezeichenLesezeichen: 0
Zugriffe: 33118

Re: Walter Chiari -Fino all'ultima risata

Beitragvon mingi17 » 23. Feb 2012 18:33

Alessio an uns zu "Walter Chiari":

...spero riusciate a vederlo Walter Chiari, perché ha avuto una vita molto interessante...Ich hoffe, dass ihr "Walter Chiari" sehen könnt, denn er hatte ein sehr interessantes Leben...
Händeringen hält einen nur davon ab, die Ärmel aufzukrempeln.
mingi17
 
Beiträge: 10266
Registriert: 01.2008
Wohnort: nahe MÜNCHEN
Geschlecht:

Re: Walter Chiari -Fino all'ultima risata

Beitragvon gaby » 24. Feb 2012 09:27

Boni e Ghislandi
due bergamaschi
per "Walter Chiari"

Hanno seguito percorsi diversi ma la macchina da presa è riuscita a catturare di entrambe il meglio delle loro qualità artistiche. Alessio Boni, l'attore originario di Sarnico, e Pietro Ghislandi di Bergamo saranno gli interpreti della fiction “Walter Chiari” che andrà in onda il 26 e 27 febbraio alle 21 su RaiUno.
A Boni è affidato il ruolo del protagonista, l'indimenticabile Walter Chiari, mentre Ghislandi interpreterà il personaggio del “bravo presentatore” del famoso teatro “Olimpia” di Milano. Proprio in questo storico teatro milanese del “varietà” Walter Chiari verrà chiamato sul palco dal presentatore per improvvisare della barzellette. Da quella sera dell’anno 1944 Walter Chiari abbandonerà per sempre il lavoro di operaio in una fabbrica di motori e diventerà il grande comico destinato ad entrare nella storia dello spettacolo italiano.
Prossimamente vedremo ancora l’attore Ghislandi su RaiUno nella fiction “Il sogno del maratoneta” in cui interpreterà il Re d’Italia Vittorio Emanuele III nella storia dello sfortunato maratoneta Dorando Pietri, caduto prima del traguardo alle Olimpiadi di Londra del 1908.

http://www.bergamonews.it/cultura-e-spe ... ari-157265
gaby
 
Beiträge: 1950
Registriert: 04.2009
Geschlecht:

Re: Walter Chiari -Fino all'ultima risata

Beitragvon mingi17 » 24. Feb 2012 11:00

Alessio Boni è Walter Chiari

alessio boni interpreta walter chiariL’interprete di Caravaggio e di Puccini, in questa fiction vestirà i panni di un attore, Walter Chiari fino all’ultima risata, è Alessio Boni.

Vedremo la fiction diretta da Enzo Monteleone su Rai Uno domenica 26 e lunedì 27 in prima serata. Alessio Boni, esperto in biografie, questa volta dice, ho sentito tremare i polsi. È difficile, afferma l’attore, entrare nei panni di un collega, e poi un mostro di bravura, come Walter Chiari. Anche perché Walter Chiari è ancora nitido nella memoria di tutti.

Nella recitazione ho cercato di esaltare la sua umanità, infatti Walter era incredulo di fronte a ciò che la vita gli aveva regalato. In fondo, dice Alessio Boni, era una persona debole e il rifugio nella droga, lo dimostra.

Fu anche accusato ingiustamente di essere uno spacciatore e fu trattato come un criminale. Di lui ho studiato, dice l’attore, la forma di interpretare improvvisando. Altra caratteristica che viene fuori da questa fiction, è il suo essere ritardatario cronico, che gli ha procurato la difficoltà di incontrare platee inferocite. Dopo cinque minuti la rabbia si è sempre trasformata in applausi.

Walter Chiari morto nel 1991, aveva conquistato con la sua semplicità la diva Ava Gardner, Lucia Bosè e Alida Chelli. Dopo i 100 giorni in carcere, trovò tutte le porte chiuse, dopo l’arresto nel 1970 per spaccio di droga. Oggi possiamo leggere anche il libro Walter ed io, edizioni Dalai, dal costo di 18 euro, scritto dal figlio Simone Annicchiarico, che abbiamo imparato ad amare nella conduzione del programma La valigia dei sogni ed Italian Got talent al fianco di Belen.

http://www.bloggossip.it/alessio-boni-e ... hiari-2348
Händeringen hält einen nur davon ab, die Ärmel aufzukrempeln.
mingi17
 
Beiträge: 10266
Registriert: 01.2008
Wohnort: nahe MÜNCHEN
Geschlecht:

Re: Walter Chiari -Fino all'ultima risata

Beitragvon mingi17 » 24. Feb 2012 13:02

Bild

Foto von der Pressekonferenz. Alessio behauptet im Moment in Australien zu sein, ja, ihr habt schon richtig gelesen. Keine Ahnung, was der dort tut oder, was wahrscheinlicher ist, es war ein Witz, weil er den Flieger nicht gekriegt hat.
Händeringen hält einen nur davon ab, die Ärmel aufzukrempeln.
mingi17
 
Beiträge: 10266
Registriert: 01.2008
Wohnort: nahe MÜNCHEN
Geschlecht:

Re: Walter Chiari -Fino all'ultima risata

Beitragvon mingi17 » 24. Feb 2012 13:46

Hier Ausschnitte:
Alessio Boni non è ancora uscito dal personaggio di Walter Chiari. è in australia con belen e sarà in conferenza con noi tramite skype ;-)

Luca Barbareschi ringrazia Simone Annichiarico per il sostegno e Alessio Boni per la splendida interpretazione

Simone Annichiarico sgrida Alessio Boni: non sei ancora uscito dalla parte di papà! Boni risponde: "altro che, sono qui in australia con Belen che ti saluta"! Applausi e risa in conferenza stampa

Alessio Boni "è stato difficile interpretarlo. ho anche pensato di lasciare il set per la prima volta nella mia carriera. era un'anguilla, imprendibile come personaggio e come uomo"

Simone Annichiarico: "mio padre per come lo conoscevo l'ho visto al cinema solo in Romance. E adesso lo rivedo qui. Sono contento che Luca Barbareschi abbia voluto fare questa produzione, soprattutto perché so quanto mio papà gli é voleva bene. E poi Alessio Boni è stato veramente mostruoso, mai visto un attore recitare una parte di un attore in questo modo."
Händeringen hält einen nur davon ab, die Ärmel aufzukrempeln.
mingi17
 
Beiträge: 10266
Registriert: 01.2008
Wohnort: nahe MÜNCHEN
Geschlecht:

Re: Walter Chiari -Fino all'ultima risata

Beitragvon gaby » 24. Feb 2012 15:50

venerdì 24 febbraio 2012
Walter Chiari. Fino all'ultima risata
quando ho saputo che Alessio Boni non avrebbe partecipato alla conferenza stampa (non e' riuscito a prendere il volo dal Portogallo), me ne sarei andata a casa per la delusione. Sono rimasta e ho diligentemente visto la prima mezz'ora del film che andrà in onda domenica (lui e' molto bravo e assomiglia molto a Walter Chiari: sorride solo un po' troppo, come lui sorrideva in tutte le foto), poi sono uscita e ho intervistato il regista Enzo Monteleone, Luca Barbareschi che ha prodotto il film (l'aveva promesso allo stesso Walter Chiari depresso per la sua fortuna calante) e Bianca Guaccero che fa Valeria Fabrizi. A me la Guaccero non piace e mi sono sentita giuda quando mi ha salutata con due baci sulle guance. In conferenza stampa lei così bella spariva accanto alla vera Valeria Fabrizi, una donna di una certa eta', dotata di passione, profondita', cose da dire, tutto quello che a lei manca. C'era il figlio di Walter Chiari, Simone Annichiarico: nevrotico, agitava le mani, appariva indeciso tra il disagio (non deve essere facile vedere la propria vita romanzata: il momento in cui tua madre dice a tuo padre che aspetta un bambino, quello in cui in carcere una guardia da' a tuo padre l'annuncio che sei nato) l'aria sbarazzina, i complimenti ad Alessio Boni, la voglia di pubblicizzare il proprio libro sul padre. Il momento più umoristico della conferenza stampa e' stato quando un vecchio giornalista(?) ha obiettato che nel film non si capiva niente: prima Walter Chiari viene arrestato mentre partecipa a un programma a via Asiago, poi fa il pugile, poi ha successo in teatro, poi e' di nuovo in carcere. Si chiamano flash back, ed essendo una fiction rai, sono molto espliciti, non lasciano nulla all'immaginazione. Monteleone si e' arrabbiato con lo spettatore testone, Barbareschi e' intervenuto a far da paciere. Alessio Boni barbuto, partecipante alla conferenza via skype se la rideva tra se'.
gaby
 
Beiträge: 1950
Registriert: 04.2009
Geschlecht:

Re: Walter Chiari -Fino all'ultima risata

Beitragvon gaby » 24. Feb 2012 16:05

Walter Chiari: a Simone Annicchiarico non piace il taglio dato alla fiction

Ai figli certe fiction sui propri genitori famosi non piacciono mai, forse hanno ragione o forse no, forse spesso dimenticano che è solo una fiction per quanto cerchi di raccontare un personaggio reale e che deve rispettare magari certi requisiti per piacere al pubblico, cosi dopo le lamentele della figlia di Enzo Tortora anche Simone Annicchiarico figlio di Walter Chiari e Alida Valli ha espresso le sue perplessità sulla fiction prodotta da Casanova Multimedia di Luca Barbareschi ritenendola troppo triste.

Non ho ancora visto la fiction ma ho letto la sceneggiatura – ha raccontato Simone Annicchiarico – Barbareschi ha voluto porre l’accento su quello che è accaduto nel ‘70, sull’ingiustizia, voleva suscitare sentimenti nel pubblico. È un po’ triste, non è come l’avrei raccontato io. Ma il regista e gli attori sono bravissimi: è impressionante la somiglianza che Boni riesce ad avere con mio padre in alcuni momenti.
http://www.teleblog.it/42213/news-serie ... -Series%29
gaby
 
Beiträge: 1950
Registriert: 04.2009
Geschlecht:

Re: Walter Chiari -Fino all'ultima risata

Beitragvon mingi17 » 24. Feb 2012 19:12

ALESSIO BONI: «HO AVUTO IL TERRORE DI INTERPRETARE WALTER CHIARI»
Ultimo aggiornamento Venerdì 24 Febbraio 2012 14:11 | PDF | Stampa | E-mail



Tanta vita privata tra amori devastanti, il carcere per l'accusa di uso e spaccio di droga, la nascita del suo unico figlio e poca, anzi pochissima, vita professionale, quella che invece il pubblico ha conosciuto. La fiction dedicata a Walter Chiari, in onda domenica e lunedì in prima serata su Rai Uno, diretta da Enzo Monteleone e interpretata da Alessio Boni, attraversa la vita dell'istrione della Dolce vita, mostrandone i lati oscuri.

Un racconto minuzioso, complesso in cui Boni si è calato, ma con terrore. Ammette l'attore: «Ho accettato subito quando ho letto questa sceneggiatura, forse in modo incosciente. La difficoltà è arrivata dopo, ma ormai era troppo tardi per tornare indietro. Dico la verità: l'avrei fatto volentieri, ci sono state tre o quattro sere, quando tornavo in albergo in cui davvero volevo rinunciare. Walter era indefinito, era imprendibile, mi scappava ogni volta, ma non ho potuto mollare. È stata l'unica volta che mi è capitato di dire perché "ho detto sì", non mi era mai successo, ho fatto tanti personaggi difficili come Caravaggio e fiction toste come La meglio gioventù, ma una cosa così non mi era mai successa».

L'amore impossibile per Lucia Bosè (Caterina Misasi) quello burrascoso con Eva Gardner (Anna Drijver), il matrimonio con una giovane Alida Chelli (Dajana Roncione) e l'intensa amicizia con Valeria Fabrizi (Bianca Guaccero) sono il fulcro principale della prima puntata.

Nella seconda invece si racconta il declino professionale di un uomo distrutto dalla droga e dalla mancanza del figlio, Simone, portato dalla madre a vivere in America. Luci e ombre di una vita, in cui compare, solo per un attimo, anche Simone Annichiarico, il figlio, che in un cameo veste i panni di un fan. «Non credo molto nelle fiction e nell'uso reiterato dell'attore a fare ottanta personaggi – afferma Annichiarico – ma Alessio è veramente mostruoso. In lui rivedo mio padre, non pensavo potesse essere possibile».

La fiction ha sempre avuto il benestare della famiglia di Walter Chiari, cosa che non sempre accade. Anzi, nei suoi ultimi lavori su artisti celebri, a partire dalla mini serie su Rino Gaetano, la Rai si è trovata più volte in lite con familiari. «Simone ha avuto fiducia in noi», sottolinea il produttore Luca Barbareschi, amico personale di Walter Chiari, di cui esalta la leggerezza e l'ironia. «Non era facile scommettere su un personaggio così difficile. In questi giorni in cui si parla di Celentano – attacca il solito polemico Barbareschi - Walter era un vero uomo libero. Si vede la differenza tra un artista che è stato un vero uomo libero, che non ha mai dovuto insultare nessun per far ridere tutta l'Italia».

Anche per il regista non è stata una sfida facile. «Chiari è stato prima emarginato e poi dimenticato – dice – tutti noi abbiamo sentito il bisogno di risarcirlo. Quando mi è stato proposto ho detto subito di sì però poi ho capito che non era facile. Era quasi più facile fare Garibaldi o Napoleone».



Tiziana Leone



http://www.tvzoom.it/index.php?option=c ... &Itemid=40
Händeringen hält einen nur davon ab, die Ärmel aufzukrempeln.
mingi17
 
Beiträge: 10266
Registriert: 01.2008
Wohnort: nahe MÜNCHEN
Geschlecht:

Re: Walter Chiari -Fino all'ultima risata

Beitragvon gaby » 24. Feb 2012 21:06

TV, SU RAI1 ARRIVA “WALTER CHIARI, FINO ALL’ULTIMA RISATA”
Roma - La parabola umana e artistica di Walter Annichiarico, in arte Walter Chiari, istrione di talento assoluto. Con Alessio Boni per la regia di Enzo Monteleone. In prima serata, domenica 26 e lunedì 27 febbraio
anteprima
Edizione completa Edizione completa
Stampa l'articolo Stampa l'articolo
Roma - “Walter Chiari ha dato tanto allo spettacolo italiano. Ha divertito generazioni diverse. E’ stato maltrattato e dimenticato troppo in fretta. Con questo film abbiamo cercato di ricordarlo”. A parlare è Enzo Monteleone che firma la regia (ed anche soggetto e sceneggiatura con Luca Rossi) di “Walter Chiari, fino all’ultima risata”, una coproduzione Rai Fiction Casanova Multimedia, prodotta da Luca Barbareschi. Una miniserie in due puntate in onda in prima serata su Rai1, domenica 26 e lunedì 27 febbraio. Con Alessio Boni nel ruolo di Walter Chiari, Bianca Guaccero nei panni di Valeria Fabrizi, Dajana Roncione (Alida Chelli), Anna Drijver (Eva Gardner), Karin Proia (Sophie Blondel), Caterina Misasi (Lucia Bosè) e Gerry Mastrodomenico (Bruno Guidazzi). Dal ring al palcoscenico. Dalle sfavillanti luci della ribalta alla solitudine del carcere. Quella di Walter Chiari è la storia di un uomo fuori dal comune che ha conquistato, con le sue grandi qualità artistiche, tutto ciò che il mondo del jet set aveva da offrire e che, proprio all’apice della sua carriera, ha perso tutto: lavoro, famiglia, amici e libertà.

“Quando Luca Barbareschi mi ha chiesto se mi sarebbe piaciuto fare un film sulla vita di Walter Chiari non ho esitato: ho accettato subito. Ero stato uno di quei bambini cui il sabato sera si rivolgeva Walter dallo schermo della tv in bianco e nero negli anni ’60. Mi faceva ridere con i suoi monologhi, gli sketch con Mina e Paolo Panelli, le gag dei fratelli De Rege con Campanini, il tormentone del Sarchiapone. Ma poi lo avevo visto anche nell’ ultima parte della sua carriera. Ero al festival di Venezia, nella sala Grande, quando hanno presentato ‘Romance’, e avevo sentito l’emozione e l’affetto del pubblico per il vecchio leone che era tornato. E poi la sera della premiazione la delusione, il dolore per vedere un’ingiustizia, il premio annunciato e poi non assegnato”, scrive nelle note di regia Monteleone. “Ma soprattutto – continua - fare un film sulla vita di Walter Chiari significa attraversare vari decenni dello spettacolo italiano, dal varietà, al cinema, al musical, alla televisione. E poi la Dolce Vita, le dive, i grandi amori. Insomma la vita avventurosa di Walter doveva essere raccontata. Anche perché è una parabola dell’ uomo di talento e di successo, dell’ uomo che ha tutto e perde tutto. Nei lunghi mesi in cui ho incontrato molte persone che lo hanno conosciuto e che sono state importanti nella sua vita ho sentito sempre un grande affetto nei suoi confronti. E una grande nostalgia. E’ venuto fuori il ritratto di un uomo generosissimo, anarcoide, fuori dagli schemi, di enorme talento, coltissimo nonostante le umili origini (leggeva ‘The Lancet’, un mensile di medicina, in inglese! diceva che se non faceva l’attore avrebbe fatto il medico), un uomo sempre disponibile con tutti, soprattutto con i meno fortunati, con gli ex-pugili un po’ suonati che lo aspettavano fuori dal teatro sapendo che lui non li avrebbe lasciati a mani vuote. E allo stesso tempo però un uomo che ha dovuto combattere contro un demone: il buttarsi via, l’autodistruzione”. La fiction si apre il 22 maggio 1970. Appena tornato dall’Australia dove si è sposato con Alida Chelli, Walter Chiari è arrestato dalla Guardia di Finanza e portato in carcere. L’accusa è uso, detenzione e spaccio di cocaina: Walter nega tutto, ma il giudice non gli fa sconti e lo sbatte in cella. Passo indietro. Fine anni ’40: Walter è un pugile dilettante che lavora alla catena di montaggio della Isotta-Fraschini. La sua carriera artistica inizia casualmente: una sera, accompagnando l’amica Valeria, ballerina nella compagnia della famosa soubrette Sophie Blondel, si ritrova sul palco, e grazie al suo talento per la battuta e alla sua simpatia fa subito breccia. La storia può cominciare… (ilVelino/AGV)
http://www.ilvelino.it/agv/news/articol ... ima_risata
gaby
 
Beiträge: 1950
Registriert: 04.2009
Geschlecht:

Re: Walter Chiari -Fino all'ultima risata

Beitragvon mingi17 » 24. Feb 2012 21:34

NSA.it > Spettacolo > News
Alessio Boni, l'ansia di essere Walter Chiari
Arriva fiction Rai1. Simone Annichiarico: ho rivisto mio padre
24 febbraio, 19:10

salta direttamente al contenuto dell'articolo
salta al contenuto correlato

riduci
normale
ingrandisci

Indietro
Stampa
Invia
Scrivi alla redazione
Suggerisci ()

Alessio Boni, l'ansia di essere Walter Chiari
Guarda le foto 1 di 13
Alessio Boni, l'ansia di essere Walter Chiari
Alessio Boni, l'ansia di essere Walter Chiari

di Nicoletta Tamberlich

ROMA - "Walter Chiari era un fuoriclasse, elegante e ironico. Ma anche una grande maschera tragica. La sua forza quella di non prendersi mai sul serio. Confesso è stata dura, uno dei ruoli più difficili della mia carriera. Quando rientravo in albergo al termine delle riprese talvolta mi sono lasciato prendere dallo sconforto ... quell'uomo è inafferrabile, come il suo sguardo. Ad esempio voi sapete di che colore aveva gli occhi ?". Alessio Boni parla in una conversazione telefonica con l'ANSA di 'Walter Chiari, fino all'ultima risatà, una coproduzione Rai Fiction Casanova Multimedia, prodotta da Luca Barbareschi. La miniserie in due puntate in onda in prima serata su Rai1, domenica 26 e lunedì 27 febbraio per la regia di Enzo Monteleone che firma la regia (ed anche soggetto e sceneggiatura con Luca Rossi). Boni, nei convincenti panni del grande attore morto 20 anni fa notare: "Chiari era geniale, un caso a parte nella storia della comicità e dello spettacolo italiani. Non ho nemmeno provato a imitarlo. Ho tentato di assimilare il suo modo di parlare sincopato aritmico, di ritrovare la sua energia. Ma non ho mai pensato di farne una maschera alla Noschese non avrebbe avuto senso. Ho studiato tanti filmati, video, parlato con chi lo ha conosciuto. Credo di aver visionato tutto o quasi il suo repertorio.

L'idea di riproporlo mi ha fatto tremare i polsi. Perché a differenza di Caravaggio, Puccini o altri personaggi, che da attore ho studiato e fatto miei, Walter era imprendibile: come avere di fronte dieci persone in una. Attore, presentatore, mimo. Il primo ad abbandonare in formalismi in tv. Portava sullo schermo ciò che vedeva per strada e lo rielaborava a braccio come ha fatto con il celebre personaggio del sarchiaponé". L'attore bergamasco sul set in questi giorni di una coproduzione internazionale 'L'Odisseà le cui riprese sono in corso in Portogallo tiene ad aggiungere "questo film non racconta solo il Walter dello spettacolo, ma la sua vicenda umana anche molto travagliata. Lo hanno amato dive come Ava Gadner o Lucia Bosé, perché le faceva sentire al di sopra di tutto, ma non era un Casanova. Non a caso il film inizia dal carcere che, nel 1970, segna l'inizio del declino. Accusato ingiustamente di spacciare cocaina, fu sbattuto in cella per settanta giorni - durante i quali nacque il figlio Simone avuto da Alida Chelli - e trattato come il peggior delinquente. Poi fu prosciolto - ma aggiunge l'attore vanno considerati i tempi: c'era stata la strage di piazza Fontana. Temo sia stato uno specchietto per le allodole. Lo stesso è accaduto con Enzo Tortora. Interpretarlo - conclude - mi ha arricchito come attore ma anche come uomo".

Chiari, aggiunge il regista Monteleone nella conferenza stampa a Viale Mazzini "ha dato tanto allo spettacolo italiano. Ha divertito generazioni diverse. E' stato maltrattato e dimenticato troppo in fretta. Con questo film abbiamo cercato di ricordarlo". Bianca Guaccero nei panni di Valeria Fabrizi, Dajana Roncione (Alida Chelli), Anna Drijver (Eva Gardner), Karin Proia (Sophie Blondel), Caterina Misasi (Lucia Bosé) e Gerry Mastrodomenico (Bruno Guidazzi). Guaccero ha fatto presente come se "una volta uno episodio di cronaca come quello vissuto da Chiari rappresentasse un duro colpo da sopportare per un personaggio di chiara fama, oggi invece molte carriere si costruiscono anche sugli scandali". Barbareschi ha ricordato 'Romance', film in cui ha recitato al fianco di Chiari: "Al Festival di Venezia durante la proiezione si sentiva l'emozione e l'affetto del pubblico per il ritorno di un gigante. Ma poi la sera il premio annunciato non fu assegnato. I fotoreporter per protesta poggiarono le loro macchine fotografiche a terra". Il figlio Simone Annichiarico, conduttore tv (ora è su Canale 5 con Italiàs Got Talent) a proposito del film dice: "Alessio Boni mi ha commosso. Ha riportato in vita mio padre. E' l'unico che poteva farlo". Esce oggi anche la biografia scritta da lui "Walter e io, Ricordi di un figlio" (edito da Baldini&Castoldi).

http://wwww.ansa.it/web/notizie/rubrich ... 37204.html
Händeringen hält einen nur davon ab, die Ärmel aufzukrempeln.
mingi17
 
Beiträge: 10266
Registriert: 01.2008
Wohnort: nahe MÜNCHEN
Geschlecht:

VorherigeNächste

Zurück zu "Alessio in Film, Fernsehen und Theater"

 

Wer ist online?

Mitglieder in diesem Forum: 0 Mitglieder und 1 Gast

cron